Due consigli che cambiano la giornata: Dio di giorno, Dio di notte!

 

“Perché tutto il giorno sarà di colui che lo occupa per primo”

San Giovanni Climaco ha raccomandato:

“Offrite a Dio le primizie della vostra giornata, perché tutto il giorno sarà di colui che lo occupa per primo”.

Fra’ Pietro Sinzig, nelle sue Brevi Meditazioni per tutti i Giorni dell’Anno (1944), commenta questa saggia raccomandazione dicendo:

“Non permettete che i pensieri mondani, seppur leciti, si antepongano a Dio nel vostro cuore. Il riposo non è forse stato un beneficio di Dio? Non è una grazia il giorno che Dio vi concede, mentre molti altri sono morti durante la notte? Iniziate tutti i giorni con una vittoria sulla comodità; salutate il vostro Creatore con preghiere cordiali; ringraziatelo, pregatelo, rinnovate i vostri buoni propositi e le buone intenzioni”.

Fra’ Pietro applica lo stesso consiglio al momento di andare a dormire:

“Come il momento di alzarsi, così anche quello di andare a letto può e deve essere un atto meritorio. La modestia richiede che le vostre azioni rivelino in tutto il rispetto dovuto a Dio e all’angelo custode, che vi osservano. La religione richiede che non vi mettiate a letto senza aver ringraziato il vostro Dio per gli innumerevoli benefici ricevuti durante la giornata, chiesto la sua protezione per la notte e implorato, dopo l’esame di coscienza, il perdono per le mancanze commesse. Una notte sarà l’ultima per voi. E se fosse quella di oggi? Siete pronti?”

Categorie: Senza categoria